Associare alternatore e batteria

Motore, meccanica, assetto ed impianto elettrico

Re: Associare alternatore e batteria

Messaggioda BeaN » martedì 6 ottobre 2015, 16:14

Per quanto riguarda la sensibilità del led rispetto avevo già provveduto mettendo una resistenza in parallelo per simulare la lampadina. Infatti senza quella resistenza non partiva più la carica della batteria proprio perché funziona a comparazione con la spia della batteria, la cui lampada originale ha un assorbimento maggiore rispetto alle altre lampade del quadro (non so se ancora adesso sia così, ma anni fa le spie della batteria di quasi tutte le auto funzionavano in questo modo).

Però, appunto, l'alternatore ha una differenza di tensione di 1,40 volt rispetto alla batteria. Però la batteria viene caricata normalmente e la sua tensione è di 14,40 volt costanti (con qualche piccolo sbalzo) durante la marcia. Quale può essere il difetto nell'alternatore? Il circuito di ricarica parrebbe funzionare, potrebbe essere nel circuito di segnalazione?
Avatar utente
BeaN
Pandista Neopatentato
 
Messaggi: 331
Iscritto il: sabato 29 giugno 2013, 15:44
Località: Catania

Re: Associare alternatore e batteria

Messaggioda Augusto » martedì 6 ottobre 2015, 23:30

Per la differenza di tensione misurata non c'è da preoccuparsi, come ti ripeto dipende dal tester che in CC non rileva i picchi CA dell'alternatore, altrimenti la batteria non potrebbe caricarsi (la corrente scorre sempre dal potenziale maggiore verso quello minore e non viceversa).
La questione spia è invece diversa, bisogna vedere se il valore della resistenza in parallelo al led è corretto, o meglio, a prescindere dall'attivazione della ricarica, il led potrebbe accendersi comunque con tensione sensibilmente minore rispetto alla lampada originale.
Per questo sarebbe bene scollegare momentaneamente la connessione led - resistenza e riprovare con la lampada.
Augusto cuore di Panda :x
Immagine ***"965 con tettini 85 metano" *** "1000 fire 86 GPL" *** "Sisley 91 GPL" ***
La panda non è un ripiego
Avatar utente
Augusto
Pandista Istruttore
 
Messaggi: 23371
Iscritto il: venerdì 16 maggio 2008, 20:15
Località: Rocca di Papa (Roma)

Re: Associare alternatore e batteria

Messaggioda BeaN » venerdì 6 novembre 2015, 2:38

Oggi ho fatto la prova definitiva: ho tolto il led e ho collegato la lampadina. Ovviamente solo per prova, per capire meglio dove stesse il problema.

Ma facciamo un passo indietro: ieri ho preso l'auto dopo che non la usavo da 5 giorni. Vado per mettere in moto, si sente il motorino addormentato e dopo 2 secondi la batteria muore. Riprovo ma era totalmente scarica. Molto strano visto che in questi giorni non ho nemmeno l'antifurto montato, ma ragionerò dopo su cosa possa essere stato.
La faccio partire a strappo e va in moto. Immediatamente noto che la spia della batteria è finalmente spenta! Non si spegneva da settimane ormai. Resta spenta per circa mezzora, accendo i fari, freno, parte la ventola e si riaccende la spia. Forse troppo carico in una volta sola. Ovviamente non si spegne più.
Parcheggio, lascio la macchina per 5 ore e la riaccendo. La spia resta nuovamente spenta, ma solo per pochi minuti, dopodiché torna ad accendersi come sempre.

Oggi riprendo l'auto, accendo e la spia resta spenta. Nel frattempo monitoro la batteria ed è oltre i 14 volt. Passa qualche minuto ed ecco che la spia si riaccende. Sempre 14,20V circa.

Adesso è accesa. È il mio momento.

Stacco i connettori dal quadro Y10 (con le spie a led), e attacco il positivo Mar e il segnale insufficiente ricarica batteria alla lampadina (a incandescenza) presa dal vecchio quadro della Panda (ovviamente quella della spia della batteria, diversa da tutte le altre). Accendo l'auto e... si accende anche la lampadina!

Era la prova che aspettavo, questo dimostra che non è il quadro Y10 a non funzionare per via dei led, ma c'è davvero un difetto a monte del quadro. E una possibile causa l'abbiamo eliminata. Vediamo quindi quale rimane.

Teoricamente il problema starebbe nel circuito di ricarica o nella parte relativa alla segnalazione, quindi l'alternatore è difettoso. Ok, ma allora come si spiega il fatto che alla batteria arrivi una tensione di oltre 14 volt? Infatti la batteria si ricarica normalmente, quindi in teoria l'alternatore funziona.

E se fosse la batteria il problema? Ritornando a ieri, il fatto che la spia si sia spenta per circa mezzora potrebbe indicare che il circuito di comparazione stesse funzionando a dovere. Difatti con la batteria totalmente scarica la spia non si è accesa perché la tensione dell'alternatore era sicuramente più alta di quella della batteria. Quando la batteria si è ricaricata e gli è stato applicato il carico (ventola, freni, fari) l'alternatore non ha più fornito sufficiente tensione, e la spia si è accesa.
Ma in base a questo ragionamento, la batteria nella mia auto è sempre stata (almeno nell'ultimo anno) con una tensione più alta rispetto a quella erogata dall'alternatore, ma non mi sembra possibile.

I componenti dell'alternatore non si trovano, tranne il regolatore di tensione che ho già sostituito qualche mese fa senza alcun risultato. Gli alternatori nuovi costano un bel po (circa 150 euro) e vorrei evitare una spesa di questo tipo se dovesse risultare inutile.

Le batterie costano molto meno e si trovano facilmente, ma se la mia è ancora buona non vorrei spendere 50 euro per poi spenderne altri 150 per l'alternatore.

Sono certo che sostituendo entrambi risolverei il problema, ma se posso evitare di comprare uno dei due componenti sarebbe perfetto.

Consigli? Il ragionamento che ho fatto a proposito del funzionamento batteria/alternatore è corretto? Cos'altro posso controllare per capire quale sia il problema?
Avatar utente
BeaN
Pandista Neopatentato
 
Messaggi: 331
Iscritto il: sabato 29 giugno 2013, 15:44
Località: Catania

Re: Associare alternatore e batteria

Messaggioda Augusto » venerdì 6 novembre 2015, 8:22

Ho letto con attenzione tutto il ragionamento e in sostanza condivido le considerazioni.
Secondo me conviene accertare subito se l'impianto a quadro spento e batteria carica presenta una qualche dispersione elettrica, all'uopo basta connettere in serie a uno dei morsetti il multimetro - tester posizionato in A continui.
Se la dispersione c'è (anche di pochi mA) va risolta, diversamente bisogna imputare la batteria, che potrebbe avere qualche elemento in perdita...
A quel punto, per ragionare in economia, se hai un'altra auto in famiglia prova ad invertire le batterie... o in alternativa a scollegare un polo quando resta ferma per qualche giorno.
Normalmente, con tutti gli elementi in ordine il motore si deve avviare anche dopo 10 - 15 gg. di inattività... ;)
Augusto cuore di Panda :x
Immagine ***"965 con tettini 85 metano" *** "1000 fire 86 GPL" *** "Sisley 91 GPL" ***
La panda non è un ripiego
Avatar utente
Augusto
Pandista Istruttore
 
Messaggi: 23371
Iscritto il: venerdì 16 maggio 2008, 20:15
Località: Rocca di Papa (Roma)

Re: Associare alternatore e batteria

Messaggioda BeaN » giovedì 19 novembre 2015, 16:28

Basta! Dopo essere rimasto a piedi per aver lasciato i fari accesi a motore spento per nemmeno 5 minuti, stamattina sono andato dall'elettrauto. Era un tizio nuovo, non ci ero mai andato, e sono rimasto molto contento dalla sua professionalità e dalla disponibilità a spiegare man mano i procedimenti mentre smontava e rimontava.

Ha fatto alcuni controlli col tester e ha stabilito che fosse colpa del raddrizzatore dell'alternatore. L'ha smontato, sostituito con uno nuovo (quello vecchio aveva il cavo rosso per distinguerlo da quello per alternatori più piccoli col filo verde mentre adesso la Magneti Marelli li fa tutti col filo verde) per il costo di 9 euro, ha rimontato l'alternatore e c'è stato il momento della verità: finalmente la spia della batteria si è spenta!

Prima di montarlo ha controllato i cuscinetti e mi ha detto che sono ancora buoni, il regolatore l'avevo messo qualche mese fa io quindi per quello non c'erano problemi, e da ulteriori controlli a motore acceso ha visto che la corrente erogata era buona e che a macchina spenta l'assorbimento era quasi inesistente (50 mA), perciò prima di sostituire la batteria con una nuova m'ha consigliato di utilizzare l'auto in modo da farla caricare e vedere se continuava a scaricarsi totalmente dopo soli 3 giorni (ho dimenticato di scriverlo, ma dopo l'ultimo post in cui dicevo che era scarica dopo 5 giorni l'ha rifatto dopo 3).

Ricapitolando: per la spia credo di aver risolto, per la batteria ancora non so ma in caso basta sostituirla con una nuova visto che questa ha circa 6 anni e magari non vuole più saperne.
Avatar utente
BeaN
Pandista Neopatentato
 
Messaggi: 331
Iscritto il: sabato 29 giugno 2013, 15:44
Località: Catania

Re: Associare alternatore e batteria

Messaggioda Augusto » giovedì 19 novembre 2015, 23:21

Quindi mi pare di capire che c'era uno dei diodi dell'alternatore in perdita, pensavo li avessi già controllati, comunque l'importante è aver risolto con poco.
Ora vediamo come si comporta la batteria!
Augusto cuore di Panda :x
Immagine ***"965 con tettini 85 metano" *** "1000 fire 86 GPL" *** "Sisley 91 GPL" ***
La panda non è un ripiego
Avatar utente
Augusto
Pandista Istruttore
 
Messaggi: 23371
Iscritto il: venerdì 16 maggio 2008, 20:15
Località: Rocca di Papa (Roma)

Re: Associare alternatore e batteria

Messaggioda Francescotigrone » venerdì 2 novembre 2018, 14:49

continuo quì la discussione iniziata con charlo nella sessione "tuning - installazione contagiri" poichè mi sembra più appropriata per l'argomento.

"considera sempre che ciò che produce l'alternatore prima viene usato dall'auto, poi il residuo carica la batteria (la quale offre una resistenza maggiore rispetto i carichi dell'auto). hai un intera macchina di utilizzatori che fa da cuscinetto per gli eccessi. i caricabatterie devono essere specifici perché lavorano diversamente: caricano la batteria più in fretta di quanto faresti con l'uso dell'auto"

Si parlava di ricarica di batterie al piombo - gel con l'alternatore auto, se questo potesse danneggiarle.
Forse sono un po o.t. ma dato l'uso poliedrico che molti di noi fanno dell'auto (campeggio, tempo libero, lavoro, ecc) penso che possa interessare a molti l'argomento, mi sono costruito un caricabatteria con un motore a scoppio e un alternatore auto, che ormai uso da un po' e mi è risultato utile in diverse situazioni. lo utilizzo prevalentemente per ricaricare batterie per alimentare una baita ma l'ho usato un paio di volte per riavviare un paio di mezzi in panne tra cui la panda, ora mi piacerebbe saperne di più sul dimensionamento corretto alternatore - batteria - utilizzatori (lo stesso principio si può applicare a chi vuole ricaricare batterie extra sul veicolo)......
Francescotigrone
Pandista Neopatentato
 
Messaggi: 550
Iscritto il: venerdì 5 dicembre 2014, 13:31
Località: Seren del Grappa Belluno

Re: Associare alternatore e batteria

Messaggioda Charlo » venerdì 2 novembre 2018, 14:56

la regola d'oro delle batterie di una volta era: caricala ad 1/10 del suo Ah per 10h

Per questo il classico caricabatterie analogico di solito carica a 3-6Ah, è un range che prende in mezzo molte batterie, da quelle da moto grossettine a quelle da furgone.

Con i caricabatterie digitali la carica avviene a cicli d'impulsi ed il caricabatterie stesso ha una logica interna che legge il comportamento della batteria (test vari) per adeguare il ciclo di carica (o addirittura eseguire desulfatazioni ed altre chicche di mantenutenzione e mantenimento)
- Panda 4x4 I° Serie 1985 - la CS
- Y10 4WD i.e. 1992
- Panda 4x4 I° Serie 1984 - Nonnina Marciona

ImmagineIl ne faudrait jamais sous-estimer une Panda4x4Immagine
Avatar utente
Charlo
Pandista Istruttore
 
Messaggi: 16913
Iscritto il: giovedì 31 gennaio 2008, 19:31
Località: Bologna

Re: Associare alternatore e batteria

Messaggioda Francescotigrone » venerdì 2 novembre 2018, 15:24

ciao, si ho visto alcuni modelli di caricabatterie elettronici che hanno addirittura un selettore per la carica di diversi tipi di batterie (ad esempio normali e sigillate), alcuni anche alimentabili con pannelli solari.
Ma il punto è la carica con l'alternatore: ho notato che con l'alternatore la stessa batteria si carica più rapidamente che col caricabatterie pur non facendo bollire troppo l'elettrolita (io ho un modello normale analogico), il regolatore dell'alternatore essendo ormai elettronico su tutti i modelli è equiparabile ad un caricabatterie elettronico?
Francescotigrone
Pandista Neopatentato
 
Messaggi: 550
Iscritto il: venerdì 5 dicembre 2014, 13:31
Località: Seren del Grappa Belluno

Re: Associare alternatore e batteria

Messaggioda Charlo » venerdì 2 novembre 2018, 15:33

Francescotigrone ha scritto:Ma il punto è la carica con l'alternatore: ho notato che con l'alternatore la stessa batteria si carica più rapidamente che col caricabatterie pur non facendo bollire troppo l'elettrolita (io ho un modello normale analogico), il regolatore dell'alternatore essendo ormai elettronico su tutti i modelli è equiparabile ad un caricabatterie elettronico?


in termini di Ah un alternatore eroga molto più del caricabatterie (anche al netto degli utilizzatori dell'auto), in 10h di autostrada ha erogato molto più di quanto farebbe in 10h un normale caricabatterie. si può dire in effetti che è più veloce. Ma 1h di uso quotidiano non è stabile come 1h di autostrada, variano i giri e variano i carichi.

Sui regolatori moderni personalmente non ne ho idea ma a naso dubito che si siano evoluti molto
- Panda 4x4 I° Serie 1985 - la CS
- Y10 4WD i.e. 1992
- Panda 4x4 I° Serie 1984 - Nonnina Marciona

ImmagineIl ne faudrait jamais sous-estimer une Panda4x4Immagine
Avatar utente
Charlo
Pandista Istruttore
 
Messaggi: 16913
Iscritto il: giovedì 31 gennaio 2008, 19:31
Località: Bologna

Re: Associare alternatore e batteria

Messaggioda Charlo » venerdì 2 novembre 2018, 15:36

Molte Jeep e Chrysler americane montano di serie le batterie Optima. Bisognerebbe vedere se questi mezzi hanno alternatori speciali
- Panda 4x4 I° Serie 1985 - la CS
- Y10 4WD i.e. 1992
- Panda 4x4 I° Serie 1984 - Nonnina Marciona

ImmagineIl ne faudrait jamais sous-estimer une Panda4x4Immagine
Avatar utente
Charlo
Pandista Istruttore
 
Messaggi: 16913
Iscritto il: giovedì 31 gennaio 2008, 19:31
Località: Bologna

Re: Associare alternatore e batteria

Messaggioda Francescotigrone » sabato 3 novembre 2018, 10:25

Beh a dire il vero le batterie optima sono progettate per l'uso su automezzi (mi ricordo una pubblicità che le poneva come soluzione definitiva per l'avviamento nella stagione fredda per trattori e movimento terra) pertanto credo che funzionino anche sulla panda; comunque per un uso come batteria ausiliaria per alimentare apparecchiature dici sia valida? oppure meglio una batteria normale bella grossa (tipo 100 ah)
Francescotigrone
Pandista Neopatentato
 
Messaggi: 550
Iscritto il: venerdì 5 dicembre 2014, 13:31
Località: Seren del Grappa Belluno

Re: Associare alternatore e batteria

Messaggioda Charlo » sabato 3 novembre 2018, 12:11

altroché se vanno sulla Panda. Le uso da anni. Per i servizi secondo me è meglio come dici tu: una più potente e più economica (ma più ingombrante 100Ah) collegata ad un gestore di ricarica. Alla fine il plus delle optima è lo spunto, non so quali apparecchiature abbiano più bisogno di spunto che nominalità
- Panda 4x4 I° Serie 1985 - la CS
- Y10 4WD i.e. 1992
- Panda 4x4 I° Serie 1984 - Nonnina Marciona

ImmagineIl ne faudrait jamais sous-estimer une Panda4x4Immagine
Avatar utente
Charlo
Pandista Istruttore
 
Messaggi: 16913
Iscritto il: giovedì 31 gennaio 2008, 19:31
Località: Bologna

Re: Associare alternatore e batteria

Messaggioda Francescotigrone » domenica 4 novembre 2018, 10:28

già, una 100 ah al piombo è bella ingombrante e pesante. per questo sarebbe utile dimensionarla all'assorbimento di corrente che si prevede di avere. Tra l'altro le batterie al piombo non si possono scaricare oltre il 50% e il loro rendimento dicono è circa dell'80%; allora con una batteria da 100 ah con un rendimento dell'80% in pratica ne ha solo 80, e potendola scaricare solo della metà ne avrò solo 40 ah realmente utilizzabili? scusate se ho fatto confusione.........
Francescotigrone
Pandista Neopatentato
 
Messaggi: 550
Iscritto il: venerdì 5 dicembre 2014, 13:31
Località: Seren del Grappa Belluno

Re: Associare alternatore e batteria

Messaggioda capra » domenica 4 novembre 2018, 15:30

Io ho la macchina con le utenze originali e il suo alternatore da 45 è più che sufficiente
L "impianto stereo " consiste in una cassa con la sua batteria che si ricarica USB e prende il segnale wi-Fi dal cellulare quindi assorbimento quasi irrilevante
Fin qui tutto bene ma se uso il verricello elettrico devo farlo a motore spento perché assorbe più di quanto produce l alternatore cioè 14x45 wh630 e non col motore al minimo ma a 3500 giri
Sarebbe come mettere l alternatore in cortocircuito
Ne ho visto più di uno saltare per mettere in moto un altra macchina coi cavi e motore acceso ( il motorino di avviamento assorbe anche più di 1000wh )
Detto questo ho pensato di mettere delle batterie collegate in parallelo da 12v 7.2a come supporto a quella di serie sotto ai sedili anteriori
3 per parte cioè 7.2x6 sono oltre 43a , quasi il doppio fi quella di serie
Ho messo il tester in serie all' altrrnatore e , con le batterie circa a mezza carica , l alternatore rifornisce 30a tra motore acceso lampadine e batterie che si ricaricano
Non è sotto masssimo assorbimento ma basta che parta la ventola radiatore e accendo i tergi che lo metto in difficoltà
È vero che questa situazione si verifica raramente ma può succedere
Ho pensato di mettere quello da 65a ma devo cambiare la puleggia
C é un altra cosa da dire che le battetie al pb possono fornire tranquillamente il triplo del loro amperaggio orario senza rovinarsi mentre quelle leggere tipo e-bike al lipo4 ecc convenzionali vanno in crisi gia con una volta e mezza
Quelle specifiche leggere per reggere certi picchi di corrente costano parecchio
Per ora mi trovo bene con l ausilio di quelle sigillate anche perché le ho a poco ma una batteria con dimensioni per stare nel suo alloggio originale ma con più di 80a non mi dispiacerebbe
Cesare
Avatar utente
capra
Pandista Neopatentato
 
Messaggi: 103
Iscritto il: martedì 1 novembre 2016, 18:43

PrecedenteProssimo

Torna a L'officina

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Fabio95 e 4 ospiti